Indice articoli


Una crisi che viene da lontano
Il declino di Roma, deturpata e offesa dalla corruzione dilagante e dall’indecoroso spettacolo di partiti ridotti perlopiù a comitati d’affari e a larve catodiche, di cui la vicenda denominata Mafia capitale è l’espressione più cruda e vergognosa, non è un destino ineluttabile e senza vie d’uscita. A patto però che del declino si svelino le ragioni più profonde, muovendo da un’analisi critica della realtà sistematicamente mascherata dalla destra e dal partito di Renzi, nonché dalla narrazione dei media mainstream che a loro tiene bordone, permeata com’è dalla cultura del business.
Il problema, ancora una volta, sembra essere quello di cosa si fa per spolpare delle sue risorse questa città allo scopo di impinguare se stessi, il proprio clan, la propria classe di riferimento. O per occupare la poltrona di sindaco. Non quello di cosa si fa per cambiare il destino di Roma, scoperchiando le sue contraddizioni laceranti e mettendo a valore le sue straordinarie risorse a beneficio dei romani e del Paese.
«Questa è una città che sta esplodendo tra nuove povertà e disagi, che non sono legati alle tragedie migratorie ma a chi è nato e cresciuto in questa città. Altro che terza settimana, qui non inizia nemmeno il mese» (Il Messaggero, 13.3.2016). Non sono parole di un gufo, che vuole male al capo del governo e al suo candidato a sindaco. E però neanche di chi, come un pappagallo, balbetta la lezioncina mandata a memoria. A parlare è il prefetto Franco Gabrielli al congresso provinciale delle Acli il 12 marzo 2016.
La sua è una denuncia onesta della realtà contraddittoria e drammatica di una metropoli come Roma, di gran lunga la più popolosa e vasta in Italia e tra le prime in Europa, giacché nel suo territorio comunale troverebbero posto tutte insieme Milano, Napoli, Torino, Palermo, Genova, Bologna, Firenze, Bari e Cagliari. Una realtà nella quale i fenomeni degenerativi cui assistiamo, accompagnati dall’inefficienza dei servizi più elementari e degli apparati centrali dello Stato, sono il punto di arrivo di una doppia crisi che viene da lontano.
Non solo della crisi di Roma come metropoli dell’Occidente avanzato, che è, insieme, luogo privilegiato dell’innovazione scientifica e tecnologica e al tempo stesso espressione delle più efferate disuguaglianze della globalizzazione capitalistica, segnata dal dominio della rendita finanziaria e immobiliare: un’agglomerazione sociale che svalorizza il lavoro e distrugge l’ambiente, attizza conflitti di classe e di genere contro i lavoratori e contro le donne, alimenta guerre tra poveri segnate da fondamentalismi religiosi e da esclusioni etniche.
Roma è in crisi anche come capitale dello Stato nazionale burocratico e accentratore. Un intero ciclo storico, aperto con l’unità d’Italia, ormai si sta concludendo. Ed emerge imperiosa la necessità di una svolta, in direzione di nuove forme di democrazia partecipata nel territorio metropolitano e, per altro verso, della vocazione universalistica di questa straordinaria città, che è anche centro della cristianità e depositaria di un patrimonio artistico e culturale senza uguali. Una vocazione da recuperare e da rifondare modernamente su una visione europea e mediterranea di pace e di collaborazione tra i popoli, che tuttavia la trascenda per guardare al mondo intero.
C’è bisogno però di un preciso punto di vista da cui muovere per riconoscere e rovesciare le tendenze in atto, e costruire il futuro di una metropoli a misura umana e della capitale di un Paese in cui si affermino pienamente i principi di libertà e di uguaglianza sanciti dalla Costituzione. La Costituzione antifascista, che fonda la Repubblica sul lavoro e non sul capitale, ossia sulle persone che lavorano e non sui proprietari percettori di rendite e profitti, è precisamente il punto di vista da cui muovere. Giacché senza valorizzazione del lavoro non c’è centralità della persona, della sua dignità, dei suoi diritti, della sua libertà.
D’altra parte, se la valorizzazione del lavoro - attraverso salari dignitosi e l’incremento dell’occupazione - è il principale fattore di contrasto alla disgregazione della metropoli e al degrado delle periferie, la presenza di un autonomo e libero punto di vista delle lavoratrici e dei lavoratori politicamente organizzati è indispensabile per contrastare il disegno urbano costruito sugli interessi di rendita e profitto, e per far prevalere l’interesse pubblico e il bene comune.
«Di fronte alla crisi del Paese e alla crisi delle grandi aree metropolitane, la città è una sola. Solo se i mali di Roma saranno affrontati, solo se la parte più oppressa della società, dai poveri e dagli emarginati agli anziani, dalle borgate ai ghetti della periferia avranno un peso nuovo su tutta la città, essa potrà essere rinnovata e risanata. Solo se sarà più giusta e più umana, potrà essere ordinata, potrà essere una città capace di custodire il suo passato e di preparare un futuro» (https://unitagiubberosse.wordpress.com). Non sono parole di un candidato o di una candidata a sindaco in questo torbido 2016. Queste parole di verità, peraltro molto attuali, sono state pronunciate da Luigi Petroselli il 27 settembre 1979 nel discorso d’insediamento al Campidoglio, succedendo a Giulio Carlo Argan.